Riabilitare il perineo permette alla donna ci controllare quel “luogo di passaggio” intimamente legato all’essere femminile.

  • Prolasso utero-vaginale; 
  • Sindromi dolorose del pavimento pelvico; 
  • Disfunzioni sessuali; 
  • Vulvodinia.

Oltre 50% delle donne in menopausa presenta un prolasso, anche se solo il 10-20% lamenta dei disturbi significativi.
Si parla di prolasso genitale quando la muscolatura del pavimento pelvico, che sostiene gli organi presenti nel bacino, diventa meno tonica.La vescica, l’utero e il retto perdono la loro posizione abituale scendendo verso il basso.

PROLASSO PELVICO

Il prolasso pelvico un problema tipicamente femminile causato da vari fattori: Uno o più parti naturali, la menopausa con le modifiche ormonali. Tosse, stipsi, attività  lavorativa pesante sono fattori che comportano un aumentano cronico della pressione addominale.
Eventuali interventi sulla pelvi indeboliscono la struttura del pavimento pelvico.

Sintomatologia del prolasso genitale:
La sintomatologia dipende malgrado del prolasso stesso e varia da donna a donna.Il sintomo più frequente è la sensazione di caduta verso il basso dell’utero, causa disaggio durante la camminata, durante la posizione seduta e dolore durante i rapporti sessuali.

 Il trattamento del prolasso genitale è riabilitazione perineale 

L’ obiettivo del trattamento del prolasso genitale è quello di migliorare la qualità  di vita della donna, alleviare la sintomatologia, ristabilire una normale funzionalità  e garantire un risultato duraturo nel tempo.

Sindromi dolorose del pavimento pelvico

Il dolore cronico pelvico può essere definito come un dolore non derivante da neoplasie maligne riferito a organi e strutture della pelvi, sia maschile che femminile. Se si origina come un dolore acuto, conseguente a causa riconosciuta, esso deve essere persistente, o ricorrente, da almeno 6 mesi. Tale tipo di dolore è spesso caratterizzato da un impatto negativo sulla sfera cognitiva, comportamentale, sessuale ed emotiva.

Sindrome del dolore cronico pelvico
Dolore persistente o ricorrente associato a sintomi delle basse vie urinarie, a sintomi indicativi di disfunzioni sessuali, intestinali, ano-rettali, ginecologiche, senza riscontro oggettivo di infezioni o di altre patologie.

Sindrome della vescica dolorosa
Dolore sovrapubico e vescicale, che accompagna il riempimento vescicale, con aumento della frequenza menzionale diurna e notturna, senza riscontro oggettivo di infezioni o di altre patologie.

Sindrome del dolore vaginale
Dolore persistente o ricorrente riferito alla vagina, associato a sintomi indicativi di disfunzioni urinarie e/o sessuali, senza riscontro oggettivo di infezioni o altre patologie.

Sindrome del dolore vulvare
Dolore persistente o ricorrente riferito alla vulva, correlato al ciclo minzionale e associato a sintomi indicativi di disfunzioni urinarie e/o sessuali.